Oggi, 130 candeline per l’educazione finanziaria un compleanno speciale tra encicliche e manuali

Il 15 maggio del 1891, l’allora Papa Leone XIII promulgava la “Rerum Novarum”, letteralmente “Vento di novità”, l’Enciclica fondativa della Dottrina sociale della Chiesa cattolica sviluppatasi fino ai giorni nostri e culminata più di recente nella “Fratelli Tutti” del Santo Padre Bergoglio.

Redatto al fine di fornire una risposta epocale alle grandi questioni di natura sociale seguite alla rivoluzione industriale di fine Ottocento, il solenne documento Pontificio introduceva ed esplicitava il concetto di “educazione al risparmio” come pilastro della politica economica e dei redditi strategico al fine di concorrere alla formazione di una robusta e consapevole classe sociale e professionale intermedia, in grado non soltanto di provvedere al sostentamento corrente quotidiano bensì di programmare l’avvenire istruttivo e assicurativo della famiglia oltre all’acquisto della proprietà abitativa e dei mezzi della produzione.
I successivi cambiamenti tecnici e demografici, la complessità sempre maggiore dei fabbisogni personali e sociali, l’intensità dei conflitti nel corso di tutto l’arco del Novecento, l’avvento e la successiva crisi delle ideologie, hanno fatto sì che l’educazione al risparmio sia essa stessa mutata nella più articolata educazione finanziaria, divenuta scienza e disciplina polivalente e interconnessa alle grandi scelte tecnologiche, di gestione aziendale e della cosa pubblica, ambientali e di consumo e investimento. Ala stessa Papa Francesco dedica degli ampi riferimenti nella propria produzione letteraria, parlando a più riprese dell’esigenza di una “finanza che sia al servizio dell’economia reale e dei produttori locali”.
La declinazione “laica” dei concetti enciclici, che ne rappresenta una attuazione per tutti, si trova nella intensa produzione manualistica che annovera nell’opera letteraria del Professor Beppe Ghisolfi, oggi vice presidente e tesoriere del Gruppo europeo delle Casse di Risparmio, uno dei riconosciuti “pionieri”. Proprio il Banchiere e saggista autore di una intensa collana letteraria di cui è capostipite il Manuale edito nel 2014 di educazione finanziaria, ha stilato la prefazione del Libro, di ormai imminente pubblicazione, redatto dagli alti dirigenti Confedes Ivano Tonoli ed Erminio Brambilla e dall’addetto stampa Alessandro Zorgniotti, dal titolo “Cattolici Uniti da 130 anni per benedire un’Italia nuova”, contenente l’auspicabile programma economico e sociale di ripartenza e rilancio del Paese e dove uno dei capitoli più importanti è rappresentato appunto dall’educazione finanziaria intesa come bene comune.
I libri redatti dal Professor Ghisolfi – dopo il Manuale, Banchieri, Lessico finanziario, Fondazioni bancarie e Visti da Vicino – si consolidano in maniera ormai stabile in cima ai grandi motori di ricerca del web così come nelle classifiche della narrativa economica per famiglie e giovani selezionata dalle librerie e dai maggiori portali Amazon e IBS.